Chiusi: spacciano droga ai giardini pubblici, denunciati due marocchini
16 Ott, 2017
auto carabinieri_640x401

Era da un po’ di tempo che i carabinieri sorvegliavano con discrezione i giardini pubblici di Chiusi, sapendo che non tutti i giovani del posto andavano lì solo per ritrovarsi con gli amici ma anche perché qualcuno spacciava dell’hashish. Così i militari hanno intensificato i controlli nel fine settimana, ben sapendo che proprio nel weekend il consumo di droga aumenta. Ed è così che nel primo pomeriggio di sabato hanno notato due giovani, che appena arrivati parlavano freneticamente con gli altri presenti, spostandosi di continuo. I militari, capendo la situazione, sono intervenuti ed hanno portato i due portandoli in caserma. Qui avevano la conferma che la loro intuizione era giusta. Infatti, perquisendo i due ragazzi, M.M. di 21 anni e H.H. di 17, entrambi di origine marocchine ma residenti in Italia, in un paese dell’Umbria al confine con la Toscana, nello zaino del maggiorenne hanno trovato 60 grammi di hashish, suddiviso in sei ovuli. A quel punto sono scattate le perquisizioni anche a casa dei due ma non è stato trovato altro stupefacente.
Di questo dovranno rispondere per ora alla Procura della Repubblica di Siena a cui sono stati denunciati a piede libero, mentre al vaglio dei militari c’è il loro giro d’affari per accertare se questa sia un’occasionale “trasferta” o se si tratti di veri e propri spacciatori itineranti, che oltre a Chiusi smerciano droga anche in altre località della zona.