Chiusi: La Fornace vince la 35° edizione dei Ruzzi della Conca
7 Set, 2015
foto

Il giallo e il rosso della Fornace sono i colori vittoriosi della 35° edizione dei Ruzzi della Conca.
Mauro Scattoni, Alex Papi, Alessio Fastelli e Marco Leandri, spesso entrato in sostituzione dei titolari, hanno regalato l’ottava conca della propria storia a tutti i contradaioli in una finale che a parte l’ultima rimonta rabbiosa dei biffaioli (altra contrada finalista) ha sempre visto un solo ed unico padrone.
Per alzare l’ambita Conca al cielo la Fornace ha dovuto sconfiggere tre contrade su quattro, nell’ordine Mar Nero, Sottogrottone e Biffe mentre il Granocchiaio è uscito, con una prestazione da dimenticare al primo turno, proprio contro il Sottogrottone.
Le Biffe, che hanno aspettato l’esito degli eventi e delle altre partite già comodamente in finale in virtù della vittoria nella prima giornata di gare di domenica 30 agosto, non hanno saputo sfruttare la propria freschezza atletica e a causa anche di troppi errori, dovuti forse all’emozione di giocarsi la finale e quindi la vittoria, hanno permesso ai ragazzi della Fornace di imporre da subito il ritmo del gioco, conquistare anche sette lunghezze di vantaggio, e vincere infine la 35° edizione dei Ruzzi.
“Complimenti alla contrada della Fornace– dichiara il primo cittadino Juri Bettollini – i ragazzi hanno dimostrato tutto il proprio valore vincendo ben tre partite consecutive. Onore alle altre contrade che si sono dimostrate agguerrite e pronte a lottare ogni anno per la vittoria finale. Lo spettacolo che abbiamo potuto vedere al campo sportivo è stato veramente eccezionale anche per la cornice di pubblico che ha riempito ogni posto delle gradinate. Complimenti anche per il corteo storico, ai tamburini e agli sbandieratori. Insomma i Ruzzi della Conca 2015 sono stato un vero successo!”
Ad inaugurare l’ultima giornata di Ruzzi è stato, come da tradizione, un corteo storico unico nel suo genere e che quest’anno ha ricordato gli anni della prima guerra mondiale. Tanti i figuranti che hanno sfilato per le vie del centro storico insieme ad alcuni suggestivi carri allegorici, ad esempio un enorme treno a vapore o un aereo ad elica. La finale è stata anticipata dal numero dei tamburini e degli sbandieratori delle contrade di Chiusi che hanno incassato gli applausi di tutto il comunale veramente gremito in ogni posto disponibile.
Il bilancio dei Ruzzi della Conca non può quindi che essere positivo, tutto è riuscito al meglio sia nella parte sportiva sia in quella ludica come ad esempio lo Speluzzico, ristorante delle contrade che ha fatto registrare sempre il tutto esaurito e lo Sbottegando che ha portato a Chiusi migliaia di persone. La 35° edizione dei Ruzzi della Conca è quindi terminata, la Città di Chiusi ha un nuovo re e veste i colori giallo/rossi della Fornace.