Chianciano: il Pd attacca il sindaco Marchetti sugli investimenti
17 Gen, 2019
logo_are_6_trasp

Il Pd di Chianciano Terme che ha più volte proposto l’utilizzo dei 2 milioni di euro regionali, ereditati dall’Amministrazione precedente, per la messa in sicurezza del PalaMps e per opere a supporto ad esso, ritiene un errore il convincimento dell’attuale Amministrazione comunale di volerli utilizzare per una nuova struttura congressuale, dopo una gestazione di 5 anni non ancora conclusa e fuori tempo massimo. E’ sotto gli occhi di tutti che il turismo congressuale, per quanto importante, non sembra avere margini di sviluppo tali da giustificare un investimento del genere, che rischierebbe di essere visto come un doppione.
Sono fondi importanti che non possiamo perdere, da qui la nostra proposta: chiediamo a Regione Toscana di utilizzare questi 2 milioni per la riqualificazione urbana di Chianciano Terme, a partire dal centro turistico-termale che è Piazza Italia, quindi la ristrutturazione dell’ex-Sip e dell’ex-cinema Garden che potrebbe diventare un Centro Polifunzionale. Intervenire su questi spazi aiuterebbe a rilanciare la possibilità di ulteriori interventi di privati nella medesima area.

Invitiamo inoltre la Giunta Regionale a rendere operativo, quanto prima, il tavolo Istituzionale previsto dalla mozione del gennaio 2018, poi approvata in Consiglio Regionale. Il tavolo deve servire ad individuare le priorità di intervento degli stanziamenti previsti in Bilancio regionale per le Città termali, con un percorso realmente condiviso. I fondi non possono essere dispersi in mille rivoli ed in iniziative estemporanee ma devono servire ad attrarre investimenti per le Terme e la riqualificazione urbana della Città da parte di investitori esterni. Potrebbero dare un indubbio vantaggio nell’accompagnare e facilitare anche la ricerca di nuovi partners industriali nella gestione delle Terme, favoriti dalla concentrazione sulla nostra Cittadina di investimenti pubblici rilevanti.