Cantiere Fabbrichina, Canocchi: “Al momento non ci sono le condizioni per la ripresa dei lavori”
22 Giu, 2015
ETNA PLUS

“E’ un cantiere di un’operazione immobiliare nata male e finita peggio. Si doveva innestare un’opera pubblica ma non lo è, non essendo mai neppure partita”. Queste le parole del sindaco di Colle Val d’Elsa intervenuto stamani in diretta ad Antenna Radio Esse per parlare della situazione della Fabbrichina. “Per la città di Colle il cantiere non ultimato e abbandonato è un grosso problema – ha spiegato il sindaco. L’azione che sta svolgendo il comune è quella di creare le condizioni per far ripartire prima possibile i lavori e completarli, anche se sappiamo bene che i tempi non saranno brevi. Ci sono procedure giudiziarie in corso e questo rende impossibile qualsiasi confronto con i soggetti che hanno l’obbligo di portare in fondo la questione. La situazione attuale è difficile, non ci sono elementi di pericolo, il Comune verifica, controlla ma sul momento le possibilità di agire e intervenire per una ripresa dei lavori non ci sono”. Un progetto importante quello della Fabbrichina che avrebbe dovuto riqualificare e valorizzare la parte bassa di Colle Val d’Elsa. “Era un intervento che sulla carta aveva tutti gli elementi positivi, poi però la società che lo ha gestito è andata in crisi trascinando con se i soggetti che hanno realizzato alcuni lavori. Il Comune sta facendo di tutto perchè la soluzione sia meno indolore e per accorciare i tempi che rimangono comunque lunghi, non si parla di settimane o mesi, per intendersi, ma di anni. Se si arriverà al concordato la società dovrà vendere i sui beni e a quel punto chi comprerà potrà riprendere i lavori”.