Buco di bilancio all’Università: Ateneo e Inps parti civili al processo
8 Lug, 2014

Università di Siena e Inps ammessi come parte civile al processo in corso a Siena sul buco di bilancio di oltre 200 milioni dell’ateneo. Al centro dell’inchiesta i bilanci dal 2004 al 2007 per cui risultano indagati in 14, tra cui i due ex rettori Piero Tosi e Silvano Focardi, imputati a vario titolo di abuso d’ufficio, falso ideologico e peculato. Secondo l’accusa avrebbero “gonfiato bilanci per far apparire sano lo stato di salute dell’istituzione contabilizzando residui attivi inesistenti per decine di milioni”. Oggi il presidente del collegio giudicante Gianluca Massaro ha accolto le richieste di costituzione di parte civile dell’Università di Siena e dell’Inps, presentate rispettivamente dagli avvocati Mariagrazia Invitto e Edoardo Urso. Alla costituzione di parte civile si erano opposti tutti i legali difensori degli imputati. Nel corso dell’udienza odierna accusa e difesa hanno presentato le liste testi ed il processo è stato aggiornato al 30 settembre quando saranno ascoltati i primi 5 testimoni tutti indicati dai Pm Antonino Nastasi e Aldo Natalini.