Facebook Posts Home Slide Show Prima pagina

Basket, la Mens Sana fatica ma supera Liburnia. Il Costone resta a -4

La nona vittoria di fila è stata più complicata del previsto. La Mens Sana espugna Livorno ma deve sudare per liberarsi di Liburnia. Ottimo il primo tempo dei biancoverdi che chiudono avanti di 15 all’intervallo lungo, poi però un immotivato nervosismo spalanca le porte alla rimonta dei livornesi che tornano a contatto (-2 il minimo svantaggio) per poi chiudere a -5 il terzo quarto. Nell’ultimo periodo la difesa tiene anche se l’attacco continua a fare fatica e la Mens Sana vince 73-65 con Pannini, Tognazzi, Sabia e Bovo in doppia cifra, primi due punti della stagione per il nuovo arrivo Allemann.

Resta in scia il Costone che vince sul campo della Juve Pontedera 81-69. Primo tempo equilibrato, poi due frazioni centrali dominate dalla Vismederi che sale anche sul +17, l’infortunio di Leonardo Mencherini e un leggero calo regalano un po’ di brividi nell’ultimo parziale. Da evidenziare i 20 punti di Ondo Mengue e i 19 di Bruttini, cresce la condizione dell’ultimo arrivato Scekic.

In C Gold torna al successo la Virtus che batte il Cus Pisa 63-50 e si allontana dalle zone pericolose di classifica. L’Acea fatica inizialmente in attacco e si trova sotto di 7 all’intervallo lungo, decisiva l’aggressività nell’ultimo quarto. 16 i punti di Zambonin, 15 di Olleia, 13 di Nepi e 10 di Bartoletti.

In A2 sfuma nel finale la possibilità per Chiusi di fare il colpaccio a Verona. La San Giobbe, trascinata dai 45 punti della coppia americana Wilson-Medford, scappa e chiude avanti di 6 a metà gara e di 3 a dieci dal termine, ma poi si deve arrendere alla prestazione gigantesca di Karvel Anderson, che firma 33 punti con un 10/13 da tre. Verona senza i punti di penalizzazione sarebbe prima in classifica, Chiusi invece resta al quarto posto.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena