Home Slide Show

Barbarossa 2016: le Brocche dell’Imperatore saranno dedicate all’accoglienza e all’integrazione

Saranno dedicate all’accoglienza e all’integrazione, valori da sempre presenti nella storia di San Quirico d’Orcia, le Brocche dell’Imperatore del Barbarossa 2016, edizione numero cinquantasei. La decisione è stata ratificata durante l’ultima riunione dell’Ente Autonomo Barbarossa (EAB) votata all’unanimità dal presidente EAB Valeria Agnelli, sindaco di San Quirico, dai Capitani e Rappresentanti del Popolo dei Quartieri di Borgo, Canneti, Castello e Prato e dal consiglio EAB.

Ed a realizzarle sarà Pamela Fatighenti – in arte Fathy -, nata a Chiusi, che dovrà decorare le Brocche in ceramica che andranno ai Quartieri che si aggiudicheranno il prossimo 19 giugno la gara degli Alfieri e degli Arcieri; oltre ai trofei, di più piccola dimensione e diversa fattura, che nel pomeriggio di sabato 18 giugno costituiranno l’ambito premio del Barbarossa de’ Citti.

“Dopo un costruttivo confronto all’interno dell’Eab – sottolinea il presidente dell’Ente Autonomo Barbarossa Valeria Agnelli – siamo giunti alla decisione unanime di scegliere per il Barbarossa 2016 il tema dell’Accoglienza, una parola sempre più attuale e dal significato molto ampio e profondo. Accoglienza e integrazione, che non possono che andare a braccetto, e che sono insiti nel dna sanquirichese. Accoglienza ed integrazione che fin dal Medioevo, grazie anche alla Via Francigena, che ha attraversato San Quirico dandole linfa vitale, ha permesso alla nostra cittadina di essere ospitale e di avere la cultura dell’accoglienza, come paradigma. Ed i Quartieri della Festa del Barbarossa sono la sintesi, la punta dell’iceberg di questo modo di essere, generoso ed aperto verso il prossimo, verso il forestiero, verso chi viene ad abitare a San Quirico perché scappa da una guerra o semplicemente per scelta personale e perché ama la nostra qualità della vita. La Festa ed i suoi Quartieri, rappresentano il primo approdo sociale per molti ragazzi che arrivano a San Quirico; molti di loro – proveniente dall’Est Europa o da altre zone del mondo – sono da anni, protagonisti della Festa. Per questo il Barbarossa – insieme alle altre realtà del volontariato di San Quirico – significa anche integrazione; per questo abbiamo voluto dedicare le Brocche dell’Imperatore ad tema così importante. Un messaggio di solidarietà, rivolto anche a ciò che accade nel mondo, nel Mediterraneo, vicino a noi; così come due anni fa abbiamo assegnato il premio dell’Olio alla sindaca di Lampedusa Nicolini. Conoscendola personalmente, sono sicura che Pamela Fatighenti, indicata per rappresentare tutto questo nelle Brocche – conclude Agnelli -, riuscirà con la sua arte, potente e figurativa, a farci emozionare».

L"artista Pamela Fatighenti
L”artista Pamela Fatighenti

L’artista Pamela Fatighenti – Nasce a Chiusi nel marzo del 1981. Dopo gli Studi classici si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Siena. Da sempre appassionata di pittura dipinge sin da bambina. Le sue opere hanno carattere strettamente figurativo e richiamano spesso concetti metafisici, con una forte contrapposizione tra il classico, richiamato da figure statuarie, e il moderno dei colori in stile pop art. All’incontro ispiratore con Carlo Franzoso (Agathos) che Pamela Fatighenti deve il nome d’arte di “Fathy”.

RADIO STREAMING POPUP

ESTRA NOTIZIE

Ad

Meteo

Meteo Siena