Badante deruba la propria assistita, madre e figlio denunciati dai carabinieri
5 Ago, 2019
logo_are_6_trasp

I Carabinieri di Monteriggioni e Poggibonsi hanno posto fine ad una squallida storia, in cui una badante con la complicità del proprio figlio, approfittando delle precarie condizioni di salute della donna che avrebbe dovuto assistere, si è appropriata della carta di credito dell’anziana, rubandole 30mila euro, somma interamente sperperata alla sala Bingo di Monteriggioni.
Sono così finiti nei guai G.S 26enne disoccupato e pregiudicato e sua madre S.A. Di 61 anni, entrambi italiani e residenti a Monteriggioni.
Non una storia di bisogno oppure di difficoltà economica, bensì ancora una volta è la ludopatia che induce le persone a rubare e truffare anche chi, come in questo caso, gli stava dando un lavoro e la possibilità di una vita normale.
I Carabinieri attraverso una serie di indagini e accertamenti anche di natura tecnica, hanno scoperto la coppia mentre, per l’ennesima volta, prelevava denaro proprio dal bancomat presente all’interno della sala da gioco, con la carta rubata alla signora. Il tutto andava avanti da pochi mesi, ma l’ignara titolare del conto se ne è accorta solo pochi giorni fa e si è rivolta immediatamente ai Carabinieri di Monteriggioni.
Madre e figlio dovranno rispondere alla Procura della Repubblica di Siena dei reati di furto aggravato, ricettazione e indebito utilizzo di carte di credito.