Andrew Joseph Pacher è il primo straniero della Mens Sana
21 Giu, 2018
Pacher legnano

La Mens Sana Basket 1871 ha scelto il suo primo straniero nella persona di Andrew Joseph Pacher. Senz’altro un globetrotter. Nato a Vandalia in Ohio il 17 febbraio 1992, si è guadagnato alla Wright State University la qualifica di “eligible” al draft 2014. Non entrato nel mirino di alcuna franchigia Nba ha scelto l’Europa e a Basilea è risultato con 22p di media il cannoniere del campionato elvetico, poi è andato ai Knights di Legnano, quindi in Ungheria e poi a Reggio Calabria. Dopo una stagione sul parquet che valeva la qualifica di terza forza dell’Ovest con la MetExtra, è oggi pronto a ricominciare per dar fondo a ogni riserva di entusiasmo possibile.

La sua scheda lo definisce come ala grande di 208 cm per 111kg. In campo è restato circa 31 minuti a partita sia a Legnano che a Reggio Calabria e le sue ultime medie parlano di 17,19p e 8,71 rimbalzi (simili quelle registrate a Legnano); dalla lunetta tira col 75% e la palla la perde raramente. Ecco le sue prime impressioni nelle more di un accordo contrattuale che lo lega il prossimo anno alla Mens Sana Basket 1871 SSD a R.L.

– Quali sono i tuoi sentimenti verso la Mens Sana, tua nuova squadra?

“Prima di tutto voglio solo ringraziare l’allenatore Moretti e tutta la società Mens Sana Basket 1871 per avermi dato l’opportunità di giocare per una delle squadre più storiche d’Italia. Questa sarà una stagione importante per me personalmente e per il team e quindi ho grandi aspettative per questa stagione”.

– Come giocatore come ti definisci?

“Mi definisco come qualcuno che ama giocare e gioca con molta passione. Sono un lungo versatile che può giocare dentro e fuori. Sul perimetro i miei punti di forza migliori sono i tiri e l’uso della mie capacità per battere il mio uomo dal palleggio o per trovare i miei compagni di squadra. All’interno dell’area sono più un giocatore tecnico per andare al ferro”.

– Quale messaggio vuoi mandare ai tuoi futuri tifosi?

“So che i tifosi di Mens Sana sono estremamente appassionati e hanno una grande aspettativa e una cultura vincente. Spero che con la mia passione e il mio amore per il gioco possa lasciare il segno su una tifoseria così storica. Mi sento fortunato ad avere l’opportunità di giocare di fronte a voi ragazzi la domenica al Palasport di Mens Sana. Ci vediamo presto!”

Dice di lui coach Moretti: “E’ almeno un paio d’anni che conosco A.J.: io ero a Varese, lui a Legnano e spesso ci incontravamo per degli allenamenti delle rispettive squadre. Da subito mi ha dato delle sensazioni positive. Credo che le sue capacità fronte e spalle a canestro si abbinino bene alle qualità di Mitch. Sono molto contento delle sue caratteristiche fisiche e anche dalla qualità difensiva giacché è votato sempre alla massima energia. Quindi è stata una scelta maturata sul suo grande desiderio di giocare con noi e sulle sue doti di team player. Sono molto contento di averlo con noi”.