Sport

Alessandro Magro e l’emozione di tornare al PalaEstra

Non sarà una partita come le altre per Alessandro Magro. Sembra una frase fatta, ma è la realtà. Il coach di Omegna, che stasera torna a Siena da avversario lo sa bene e non lo nasconde. “Due sere fa, prima di partire, – ha raccontato ai microfoni di ARE – ero come il bambino che il giorno successivo deve andare in gita con la scuola e che non riesce a dormire, oppure va a letto presto per svegliarsi ancora prima. Rispetto alla partita dell’andata è un contesto diverso, rientrare al PalaEstra e vedere tanta gente che ha condiviso con me ricordi idelebili nella mia mente è un’emozione che non riesco nemmeno ad immaginare…”

Che partita ti aspetti, visto anche cosa sta succedendo fuori dal campo?

“Purtroppo le vicende fuori dal campo, che tra l’altro ho vissuto anche io nell’ultimo anno che sono stato qui, mi preoccupano. Sono vicino alla squadra e allo staff perchè so cosa vuol dire lavorare ed allenarsi in situazioni simili. Mi aspetto da parte della mia squadra una reazione dopo la bella vittoria con Barcellona, abbiamo inserito un nuovo giocatore che ha completamente cambianto le dinamiche del gruppo. So per esperienza che per i giocatori giocare di fronte al pubblico di Siena vuol dire amplifica le capacità, non è un  caso che Siena in casa sia un rullo compressore. Spero di rimanere attaccato alla partita e magari di riuscire a rubarla negli ultimi minuti”.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena