“Adottiamo via Gaiole in Chianti a Roma”, il sindaco Pescini scrive alla collega Virginia Raggi
19 Set, 2018
virginia_raggi-2

Una sorta di adozione a distanza per combattere il degrado di una strada, a Roma, che porta il nome di Gaiole in Chianti. E’ l’originale idea che è venuta al sindaco chiantigiano Michele Pescini, che ha preso carta e penna ed ha scritto una lettera al primo cittadino di Roma Virginia Raggi, offrendo la disponibilità della sua comunità a risanare la via che versa in una situazione di abbandono.“E’ un onore per noi avere una via intitolata al nostro piccolo paese nella capitale – ha raccontato Michele Pescini ad Antenna Radio Esse -, ma, dato che siamo conosciuti nel mondo per la nostra bellezza, abbiamo pensato che non fosse giusto che nella città eterna ci fosse una via a noi intitolata in stato di degrado. E quindi abbiamo pensato di scrivere a Virginia Raggi, chiedendole di avere più cura di quella strada ed offrendo anche il nostro contributo, se a lei farà piacere. Una proposta assolutamente costruttiva che non ha nessuno sfondo politico né vuole suscitare polemica. Spero che la mia collega la accolga con lo spirito con cui l’ho scritta, con il sorriso sulle labbra ed accetti magari l’invito che le ho rivolto all’Eroica che si svolgerà tra qualche giorno. Sarebbe una graditissima ospite”.

Ascolta l’intervista


Il testo della lettera a Virginia Raggi

 

Spett. Virginia Raggi, Sindaco del Comune di Roma

 

Cara collega,

Il Comune di Gaiole in Chianti, che mi onoro di rappresentare, ti sottopone una questione assolutamente marginale per l’enorme dimensione della Capitale ma straordinariamente significativa per noi.

Nell’impressionante stradario di Roma, da tempo imprecisato e comunque da molti anni, esiste una via Gaiole in Chianti, intestata quindi al nostro Comune.

Nel tempo la piccola realtà di cui sono sindaco è diventata un punto di riferimento mondiale per quanto riguarda la qualità del vivere e la bellezza del territorio.

Cuore del Chianti, situato nell’unica valle da cui l’idronimo che ha dato origine a un termine geografico conosciutissimo nel mondo (oltreché ad un vino di pregio), Gaiole ha ricevuto a fine 2008 dalla rivista americana “Forbes” il titolo di Comune più vivibile d’Europa, sopravanzando Saint Remy de Provence e Copenaghen, giusto per citare la nobiltà del podio. Ormai da oltre 20 anni Gaiole in Chianti è anche il paese de L’Eroica, la cicloturistica d’epoca che ha spopolato nel mondo riproponendo il ciclismo com’era ed i suoi scenari ambientali da sogno, a partire dal magnifico patrimonio costituito dalle strade bianche, da un contesto paesaggistico fiabesco e da un’idea di stile di vita che ne hanno fatto un riferimento planetario.

Piuttosto vogliamo dirti che via Gaiole in Chianti è probabilmente una delle strade più brutte della magnifica Roma, una traversa corta e senza sfondo della via Salaria, chiaramente un luogo pieno di sporcizie varie e, si presume, di appuntamenti di bassa lega.

Siamo disponibili a un incontro per parlarne e ragionare insieme su progetto di risanamento condiviso a cui la nostra piccola, ma oggi molto nota, comunità potrebbe partecipare. Di certo l’idea, che noi stiamo comunicando con successo, di Gaiole in Chianti comune bellissimo, dove si vive di più e meglio, con una qualità del territorio hors categorie, non può trovare nella Città Eterna rappresentazione in una via degradata.

Quella che proponiamo è una sorta di “adozione a distanza” che potrebbe essere replicata con altri Comuni italiani in una visione in cui la capitale d’Italia divenga la capitale di tutti cointeressandoci anche al suo decoro.

Nulla di queste righe, dunque, vuole aprire un contenzioso politico, anzi cogliamo l’occasione sin da ora per invitarti alla prossima edizione de L’Eroica (oltre 7 mila iscritti da tutto il mondo) per il primo week end di ottobre.

Siamo disponibili a un incontro quando vorrai; di certo ci muoveremo per comunicare questa nostra iniziativa, che ovviamente non comporta alcuna implicazione politica diretta: quella via Gaiole in Chianti è messa male da un sacco di tempo!

Restiamo in fiduciosa attesa di un positivo riscontro.

 

Cordiali saluti

Michele Pescini, sindaco di Gaiole in Chianti