Prima pagina

Accoglienza e integrazione, i pilastri del progetto “Protetto. Rifugiato a casa mia”

Accoglienza e integrazione sono i punti focali dell’iniziativa “Protetto. Rifugiato a casa mia”, promossa dalla Caritas Italiana. Grazie al fattivo impegno di famiglie, parrocchie e istituti religiosi, il progetto, che sta ottenendo risultati di rilievo in tutta Italia, punta ad aiutare i migranti inserendoli in un contesto familiare che possa ridare loro fiducia e speranza. L’iniziativa sarà presentata venerdì 16 settembre alle ore 17.30 presso l’auditorium Santo Stefano a La Lizza nell’incontro organizzato dalle Acli Siena, dalla Caritas diocesana e dalla Fondazione Opera Diocesana Senese per la Carità. Interverranno l’arcivescovo Antonio Buoncristiani, la coordinatrice Caritas di “Protetto” per l’area centro Italia, Barbara Lanzoni, assieme al formatore Roberto Guaglianone e a un rappresentante delle Acli nazionali. A fare gli onori di casa sarà Enrico Fiori, responsabile delle Acli della provincia di Siena. “Il progetto riguarda i rifugiati che potremo accogliere nelle nostre parrocchie o nelle famiglie senesi – ha detto ai microfoni di Are -, già ci sono persone che hanno aderito, saremmo contenti se ci fossero altri senesi ad aderire all’iniziativa”. I beneficiari del progetto verranno ospitati in un nucleo familiare per un periodo di almeno sei mesi e anche nel caso di accoglienza in parrocchia o in istituti religiosi del territorio saranno comunque seguiti da famiglie della comunità, chiamate ad accompagnarli in un percorso di integrazione che appare la vera sfida dell’immigrazione.

RADIO STREAMING POPUP

Ad

hit in testa

ESTRA NOTIZIE

Meteo

Meteo Siena