A bordo di un’auto rubata speronano la gazzella dei carabinieri, arrestati due giovani a Poggibonsi
5 Gen, 2018
carabinieri Poggibonsi speronati da auto

Nottata movimentata per i carabinieri di Poggibonsi. Intorno a mezzanotte i militari, mentre stavano controllando le zone più isolate e periferiche del territorio, hanno notano una Fiat Tipo bianca con due persone a bordo, aggirarsi nella frazione di Bellavista in maniera piuttosto sospetta. Appurato che si trattava di un’auto rubata a Napoli qualche giorno fa, hanno deciso di fermarla e di identificare i due occupanti. Il conducente della vettura però, non appena si è reso conto dell’intenzione della pattuglia, si è dato alla fuga. L’inseguimento è finito in Via Santa Caterina, a Poggibonsi, dove si era posizionata un’altra gazzella per sbarrare la strada ed evitare che la corsa proseguisse nel centro abitato, dove avrebbe potuto mettere in pericolo la sicurezza di altre persone, che i malviventi hanno speronato.
I due, lui 23 anni e lei appena 17, entrambi pregiudicati, originari e residenti in provincia di Napoli, sono stati arrestati: il giovane è stato trasferito al carcere di Siena e la ragazza presso una struttura protetta in Toscana. A bordo dell’auto rubata è stata rinvenuta una pistola scacciacani priva di tappo rosso, del tutto simile ad un’arma vera, probabilmente i due avevano intenzione di compiere altri reati in Valdelsa. 

La pistola sequestrata trovata a bordo della macchina

La pistola sequestrata trovata a bordo della macchina

Da ulteriori accertamenti è emerso anche che a carico dei due novelli “Bonnie e Clyde” pendevano provvedimenti di custodia cautelare emessi in precedenza per reati legati allo spaccio di droga.
Le indagini proseguiranno per capire se i due abbiano commesso altri reati prima di essere stati arrestati, magari utilizzando quell’arma.