59enne senza patente guida motorino privo di assicurazione, sanzionato a Siena
11 Apr, 2016
polizia-stradale

E’ stato un week end impegnativo per la Polizia di Stato, sempre pronta nelle attività di prevenzione e controllo del territorio.
I poliziotti delle Volanti della Questura di Siena, durante il servizio ordinario hanno effettuato diversi posti di controllo ed interventi disposti dalla sala Operativa, ma anche numerose verifiche d’iniziativa.
L’attività di controllo del territorio ha portato all’identificazione di 147 persone e a verifiche su 57 veicoli.
Nell’ambito del servizio, oltre a diversi interventi, sono stati elevati 8 verbali per altrettante violazioni al codice della strada.
Ieri, in particolare, uno straniero alla guida di un ciclomotore è stato fermato dagli agenti in strada di Pescaia per procedere a controllo.
L’uomo, un 59enne è stato trovato sprovvisto della patente di giuda, mai conseguita per nessun tipo di veicolo, e con il mezzo privo di assicurazione e di revisione. Il ciclomotore è stato sottoposto a fermo amministrativo e la carta di circolazione ritirata.
Un altro conducente straniero è stato invece sanzionato perché alla guida dell’auto con gli pneumatici con spessore al di sotto dei limiti consentiti e le luci di stop non funzionanti, mentre un italiano è stato contravvenzionato per la mancanza di patente di guida al seguito e un altro per l’assenza del tagliando che attesta la copertura assicurativa, anche se eseguita.
Singolare inoltre la circostanza che ha portato ad accertare un’ulteriore violazione da parte dei poliziotti durante il servizio.
Gli uomini delle Volanti, pattugliando per le vie del centro con lo sguardo sempre attento, hanno notato, in via Tozzi, un’autovettura Mercedes senza conducente che, probabilmente per un’avaria al freno, andava a collidere in retromarcia con un’auto in sosta sul lato opposto della strada.
Dagli accertamenti effettuati sul proprietario del mezzo incidentato, una Fiat Bravo, hanno riscontrato che lo stesso veicolo risultava sottoposto a fermo amministrativo.
Subito hanno contattato il titolare, rintracciato tramite gli accertamenti svolti dai colleghi della sala operativa, e una volta giunto sul posto lo hanno sanzionato per l’inottemperanza del provvedimento
L’auto verrà ora custodita presso il suo domicilio.