San Gimignano: Il Teatro del Carretto in scena con “Le mille e una notte”
30 Mar, 2017
le-mille-e-una-notte2

La compagnia toscana Teatro del Carretto chiude la rassegna “Leggieri d’Inverno” (edizione numero quindici). Sabato 1° aprile 2017 alle 21,30 al Teatro dei Leggieri di San Gimignano (Siena), mette in scena lo spettacolo “Le mille e una notte”. Ovvero, «Raccontate le storie della vostra vita, riversateci sopra il vostro sangue e le vostre lacrime e il vostro riso, finché non fioriranno».

Drammaturgia e regia Maria Grazia Cipriani. Con Elsa Bossi, Fabio Pappacena, Giacomo Vezzani. Scene e costumi Graziano Gregori, suoni Luca Contini, luci Fabio Giommarelli, foto di scena Guido Mencari.

La narrazione de “Le mille e una notte” risale ad un millennio fa e pur il suo tema appare più attuale e moderno che mai: in boscaglie intricate, o nel bagagliaio di un’automobile, o in un sinistro vigilare di porte segrete e serrature che custodiscono scempi e orrori, tale disumana efferatezza permane e rischia di crescere ovunque. La protagonista vive nell’oggi.

Il tema de Le Mille e una notte è solo il pretesto, il filo conduttore, la cornice che si fa elemento di raccordo tra visioni e frammenti di racconti felici o tragici tratti dalla mitologia, dalla fiaba, dalla letteratura e dalla drammaturgia, fino a quelli tratti dalla cronaca dei nostri giorni: un universo onirico e visionario che il teatro può offrire e che poi ci viene incontro ogni giorno dai titoli dei giornali.

La struttura dello spettacolo è quella di un labirinto in cui si passa attraverso una storia e ci si ritrova in altre storie, incatenate l’una all’altra come anelli di una catena in un espediente narrativo che è del “teatro nel teatro” ed è presentato a volte in forma continua, a volte rapsodica, costellato di poesie e canti, a costituire un unico arazzo che vuole essere un fiducioso canto alla vita.

«In quella che è una delle più straordinarie raccolte di storie di tutta la letteratura – si legge nelle note di regia – il sultano Shahriyar, per vendicarsi dell’infedeltà della prima moglie, uccide sistematicamente le spose al termine della prima notte di nozze. Shahrazad, figlia del Visir, decide di porre fine alla strage. Si offre così come sposa al sultano, e riesce a scampare alla morte e a salvare la vita di chissà quante altre donne, grazie alla sua intelligenza ed al suo fascino: racconta una serie interminabile di storie incastonate l’una nell’altra in un sapientissimo gioco di scatole cinesi. Per mille e una notte il crudele sultano ascolta rapito e, al termine della narrazione, le rende salva la vita e rinuncia alla sua legge disumana».

“Leggieri d’Inverno”, per la direzione artistica di Tuccio Guicciardini, Patrizia de Bari e Cledy Tancredi, è a cura della compagnia Giardino Chiuso, Comune di San Gimignano, Regione Toscana, Fondazione Fabbrica Europa.

Informazioni e iscrizioni attività e laboratori: Compagnia Giardino Chiuso – Piazza S. Agostino 4, San Gimignano – Tel. 0577 941182 / 339 6588791 – Informazioni per la stampa tel. 347 5119013 – info@giardinochiuso.com – www.giardinochiuso.com.

Biglietteria e prevendita: Ufficio Turistico Pro Loco – Piazza Duomo 1, San Gimignano. Tel. 0577 940008 / fax 0577 940903 – info@sangimignano.com – www.sangimignano.com. Teatro dei Leggieri – Piazza Duomo, San Gimignano (SI) . Tel. e fax 0577 941182.

Biglietti: Intero € 12,00 – Ridotto € 10,00 (over 65, soci Coop Centro Italia, clienti librerie convenzionate, iscritti corsi Lus – Libera Università di San Gimignano, soci Auser San Gimignano, allievi scuole di danza e teatro) – Ridotto € 5,00 (under 18, studenti universitari, Leggieri Giovani)

Card “Sostieni il Teatro!”, al costo di 25,00 €, permette di assistere gratuitamente a tutti gli spettacoli a scelta della stagione Leggieri d’Inverno 2016/2017, e di usufruire di uno sconto (*) del 10% sugli acquisti effettuati presso le librerie convenzionate. (*) Lo sconto è valido solo per l’acquisto di libri, e non cumulabile con altre promozioni destinate ai clienti delle librerie

Librerie convenzionate: Libreria La Francigena in via Mainardi 10, San Gimignano, Libreria Mondadori in Largo Campidoglio 19, Poggibonsi, Libreria La Martinella in piazza S.Bartolomeo della Scala 30, Colle di Val d’Elsa.

“Leggieri d’Inverno” ha avuto in carnet un pieno di prosa, danza, musica, incontri letterari e teatro ragazzi ed è stata una stagione che ancora una volta si è proposta sotto il segno della leggerezza e del viaggio intesi come luoghi del pensiero. In calendario, ad esempio, oltre Baliani per il teatro, per la danza sono presenti Versiliadanza, Fabbrica Europa, Irene Stracciati e Giardino Chiuso. Teatro ragazzi con Alessio Martinoli. Prosa con il Teatro del Carretto e Le mille e una notte. Non sono mancati gli incontri con la lettura a cura di Marco Lisi.

«La rassegna Leggieri d’Inverno 2016/2017 – sottolinea Tuccio Guicciardini, direttore artistico insieme a Patrizia de Bari e Cledy Tancredi – contiene molti momenti di riflessione e nutrimento intellettuale. Un contenitore dove il teatro possa fare da contrappunto al nostro periodo storico, in contrapposizione alle tinte fosche del nostro contemporaneo».

Come sempre il programma è variegato, attento ai nuovi linguaggi contemporanei ed alla più classica tradizione teatrale. Un viaggio accompagnato da parole, gesti, immagini e musica.

Per il quarto anno “Leggieri d’Inverno” si lega al progetto Orizzonti Verticali, il Festival del Teatro e Danza che è inserito nella programmazione estiva della Val d’Elsa. Un percorso sulla promozione e la produzione del teatro e della danza che la compagnia Giardino Chiuso, riconosciuta dalla Regione Toscana come Residenza Artistica in Toscana, sta continuando con entusiasmo e professionalità sul territorio da più di un decennio.