Il Motogiro d’Italia a Sarteano
18 Mag, 2017
Motogiro

Il Motogiro d’Italia 2017 attraversa Umbria, Marche, Abruzzo, sfiorando appena la Toscana. Giovedì 19 maggio transiterà da Radicofani per arrivare, verso le 12, in piazza XXIV giugno a Sarteano. La carovana farà una sosta di circa due ore per un rapido contatto con il centro storico.
Alla guida di queste moto, d’epoca e recenti, ci sono piloti provenienti da tutto il mondo. Si tratta di un rievocazione storica, nel filone che va dalla Mille miglia e all’Eroica, allo scopo di rilanciare gare leggendarie e pionieristici mezzi di trasporto. In ogni caso, si tratta di un bel biglietto da visita per Sarteano e un’occasione di visibilità internazionale.
Dopo aver sostato in piazza e visitato il paese, il giro proseguirà verso Cetona per poi rientrare di nuovo in Umbria, direzione Assisi, da dove questa tappa era partita. Il Motogiro d’Italia, come scrisse il famoso giornalista degli anni 50 Silvio Ottolenghi, è “una delle gare più affascinanti che si siano corse da quando l’uomo si stancò di pedalare”. Questa edizione, che si svolge dal 15 al 20 maggio vede tante rappresentative straniere, in particolare da Olanda, Germania, Stati Uniti, Spagna, Inghilterra e squadre di case motociclistiche che hanno fato la storia del motociclismo, come Ducati, MV Agusta, Mondial, Gilera, Bianchi e Rumy, tutte moto che hanno partecipato alla gara degli anni Cinquanta e hanno fatto la storia del motociclismo. Non mancano propri gioielli della meccanica ormai rarissimi come la Rudge Ulster 500 del 1937 o la Vincent Black Shadow 1000 del 1948 che fanno buona compagnia alla Velocette MSS 500 e alla Harley Davidson Liberator 750. Più di cento i partecipanti, tra i quali personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo, appassionati di queste manifestazioni.